• Emanuela Angiolillo

Gli antichi borghi liguri


Ci sono una serie di borghi antichi in Liguria che spesso vengono dimenticati: la piccola regione adagiata tra le Alpi ed il Mediterraneo non è solo mare, spiaggia e file di ombrelloni! E questa è la stagione perfetta per scoprirla al meglio.

L’entroterra ligure è ricco di preziosi luoghi da visitare, da vivere e da assaporare, restandone completamente rapiti fin dal primo sguardo.

Oggi ci soffermiamo particolarmente sulla zona Ovest, al di sopra delle città di Imperia e Ventimiglia, allontanandoci dal mare per raggiungere le Alpi Liguri. Qui il territorio è costellato da piccoli paesini arroccati ed aggrappati alle rocce: vere e proprie pietre preziose incastonate nelle montagne.

Iniziamo il nostro tour con Apricale, piccolo paesino di origine medievale costruito sulla cima di un’alta collina, dove si respira ancora un’aria d’altri tempi. Le automobili sono bandite e ci si muove perlopiù a piedi, perdendosi nelle sue piccole stradine di pietra e nei saliscendi di scale ripidissime. Il tempo sembra essersi fermato e tutto è molto curato, fatto con amore.


Seguendo la via principale, si arriva facilmente alla piazzetta centrale, dove poter godere del sole durante tutte le stagioni. Qui si trovano, affiancati tra loro, la chiesa e il castello cosiddetto “della lucertola” dove vengono organizzati diversi eventi e spettacoli. Inoltre, si può sorseggiare un buon bicchiere di vino nei diversi bar e osterie nascosti nei vicoli. Le strutture ricettive sono ottime: io stessa ho dormito in un meraviglioso albergo “diffuso”* dove ogni camera sembra uscita da un film anni Venti e mangiato in una grotta adibita a sala ristorante. Che dire, bellissimo!


[Per saperne di più, potete dare un'occhiata al sito internet dell'albergo diffuso* MuntaeCara qui.]


*Cosa significa albergo diffuso? Gli alberghi di questo genere sono chiamati così quando le camere dove alloggiare non sono situate tutte in un unico edificio, bensì sparse per il paesino o la città in cui si trovano. Molto suggestivo!

Spostandosi di pochissimi km verso valle, non si può non incontrare il comune di Dolceacqua: già il nome è poetico! Anche qui ci si muove a piedi per il centro del borgo e si ammirano le strade lastricate, le case in pietra con i balconi fioriti e le vecchie porte di legno colorato. Salendo verso la parte alta dell’abitato, raggiungiamo il Castello Doria e i suoi resti, con le mure di roccia spesse e la torre centrale (in parte ancora visitabile). Riscendendo, raggiungiamo invece il fiume di montagna che attraversa Dolceacqua ed il famosissimo vecchio ponte arcuato: da qui il panorama è davvero meraviglioso.


Tornando in direzione di Genova, ci si può fermare a Seborga dove ancora si coniano antiche monete, ma il paesino che vogliamo raggiungere è Valloria: una manciata di case arroccate e una chiesa che domina la vallata sottostante. La particolarità di questo paesino sono le porte delle abitazioni: più di 150 opere d’arte. Ogni singola porta, infatti, è stata data in mano a un artista diverso che ha provveduto a renderla unica e colorata seguendo il proprio stile. L’atmosfera che si respira qui è speciale e il silenzio copre ogni cosa. Non ci sono ristoranti o alberghi. Un consiglio: acquistate qualche litro di olio d’oliva purissimo nella bottega dei produttori locali che si trova proprio appena entrati in paese.


Saliamo di nuovo, verso il confine con la Francia, e scopriamo Triora e la sua tradizione di streghe e magie. Uno dei 100 borghi più belli d’Italia accoglie i propri visitatori con case di pietra, piccole vie lastricate, portici ricoperti di muschio e un’atmosfera degna di un film di Tim Burton. Le tante botteghe vendono liquori e articoli vari dai nomi che ricordano pozioni ed incantesimi: la storia narra, infatti, che Triora un tempo ospitasse parecchie fattucchiere, le quali vennero messe al rogo durante il periodo dell’Inquisizione. Non perdete, quindi, una visita al Museo della stregoneria di Triora per conoscere tutto su strumenti di tortura e caccia alle streghe. Non è difficile immaginare che il periodo migliore per visitarla è Halloween, quando vengono organizzati eventi e manifestazioni.


Alla prossima scoperta, Amici Viaggiatori!

Per info/domande/suggerimenti/dubbi contattatemi all'indirizzo mail qui sotto:

info@lifeiswanderlust.com

#Italia #Liguria #Apricale #Triora #Dolceacqua #Valloria

14 visualizzazioni
Dove sono stata? 

© 2017 by Emanuela Angiolillo. All rights reserved.         info@lifeiswanderlust.com